ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2004-12-13

13/12/2004

Ombre cinesi

 Uno scenario del Pentagono, nel 1994, ha previsto che, attorno al 2020-2025, la Cina avrà un livello di sviluppo tale da renderla capace di sfidare il potere globale degli Usa sia sul piano economico sia su quello militare. Nel 2003, l’Istituto francese per le relazioni internazionali (Ifri) ha predetto che nel 2050 l’area a più alta crescita economica del pianeta sarà quella del mercato regionale formato da Cina più Giappone, Coree, Taiwan, ecc. resi satelliti da Pechino. In tale scenario gli Usa rimarranno una potenza economica e strategica, ma minore. Mentre l’area europea conterà sempre di meno nel mondo per poca capacità di crescita interna, economica e demografica. Vi sono tanti altri scenari, tutti centrati sullo scopo di capire se e quando si sposterà il baricentro mondiale a seguito dell’emergere della Cina come potenza economica e militare nel prossimo futuro, ma è inutile citarli perché tutti registrano la nuova centralità della Cina.

 Quindi, in base a tali dati, la scelta realistica sul piano delle strategie economiche e future sembrerebbe quella di prendere la posizione migliore possibile nel mercato cinese per coglierne le opportunità di affari e avere buoni rapporti con un futuro nuovo dominatore. Ed è il tipo di realismo che ha portato recentemente il presidente Ciampi con al seguito duecento imprenditori ad instaurare con le autorità cinesi una relazione amichevole. Stessa cosa fatta da Schroeder e Chirac poco tempo prima. Con due missioni: (a) favorire l’accesso al mercato cinese,  totalmente controllato dal governo, a favore della propria industria nazionale; (b) costruire una relazione politica con i cinesi per questo, ma anche per altro. In particolare, la Germania ha cercato di farsi amica Pechino, oltre che per vendere treni superveloci, per ottenere la cooptazione nel Consiglio di sicurezza dell’Onu come membro permanente con diritto di veto (ora  composto da Usa, Francia, Regno Unito, Russia e, appunto, Cina). L’Italia, che non vuole questo riconoscimento alla Germania per non essere marginalizzata, ha cercato relazioni amichevoli con Pechino per lo scopo opposto. Ambedue, Ciampi e Schroeder, hanno fatto dichiarazioni di “sottomissione” richieste dai cinesi. Di cui la più importante riguarda la fine dell’embargo di vendita di armi alla Cina sancito dall’Unione Europea ed Usa a seguito del massacro di più di diecimila studenti, nel 1989, a piazza Tien an Men, dal governo cinese di allora. Chirac ha fatto lo stesso, ma con un motivo in più: la speranza di formare un’alleanza eurasiatica per bilanciare il potere globale americano. Cosa che i cinesi gradiscono, e pretendono con morbidissima pressione, in base alla loro strategia futura. Che ha tre punti: (1) sbattere gli americani fuori dal Pacifico; (2) creare un blocco regionale asiatico dominato da Pechino; (3) ottenere un sistema di relazioni internazionali globale basato sul multilateralismo in modo da farsi riconoscere come blocco regionale di fatto più potente del pianeta. Senza fretta, in decenni. Riuscirà? Difficile. Chi scrive crede sia più probabile un altro scenario  La Cina è ad alto rischio di destabilizzazione interna perché dittatura che, pur capace di sviluppare inizialmente l’economia, non riuscirà a consolidarla in quanto per farlo ci vuole democrazia. Cosa che le èlite attuali non intendono concedere.  Gli Usa – con Russia, India e Giappone - non hanno alcuna intenzione di lasciare ad una Cina, più nazionalista che comunista, il dominio del Pacifico. Vedremo, ma sarebbe più realistico accorgersi che ci sono più ombre che luci sul futuro della Cina. Di conseguenza gli attori economici e politici dovrebbero imparare a valutare meglio le prime e non farsi abbagliare dalle seconde.     

(c) 2004 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli